Gestire la crisi

Questa mattina ho preso l’edizione locale di Metro che, a parte per una grafica a tratti un po’ più curata e allegra, è piuttosto deludente rispetto all’edizione italiana (niente notizie in inglese, niente pagina delle opinioni, niente lettere).

Comunque pare che anche qui in Catalunya si stia discutendo delle classi ponte per gli stranieri che non conoscono la lingua (spagnolo o catalano), solo che qui già le hanno e il problema è che ci sono troppo pochi insegnanti e troppi alunni. Di contro, nella sezione nazionale, c’è un articolo che spiega come la spagna abbia assoluta necessità di immigrati più o meno qualificati per sostenere la crescita economica: in particolare fanno conto di aver bisogno di circa centomila stranieri qualificati all’anno almeno fino al 2012 e stanno facendo spesa in sudamerica e Romania.

Poi dice che non ci possono dare lezioni.

Commenti

Rispondi